Cerca
  • Berti Fabrizio

“SPOLETO INCONTRA VENEZIA”: FABRIZIO BERTI PROPONE LA SUA ARTE INTIMISTA


Si conferma un appuntamento internazionale imperdibile, la grande mostra denominata "Spoleto incontra Venezia" prevista dal 28 Settembre al 24 Ottobre 2014, sotto la curatela di Vittorio Sgarbi e la direzione del manager produttore Salvo Nugnes. L'evento, allestito nell'esclusivo Palazzo Falier, di secolare costruzione affacciato sul Canal Grande a

Venezia, è arricchito da personaggi illustri in esposizione, tra i cui Dario Fo, Pier Paolo Pasolini, Eugenio Carmi, José Dalì. Nel parterre delle presenze importanti è stato selezionato Fabrizio Berti, pittore e scultore dalla formazione accurata e completa, che gli ha permesso di approcciare una coinvolgente formula espressiva dal carattere intimista, ricevendo ampi consensi d'apprezzamento.

Nel percorso di ricerca Berti approfondisce dapprima la pittura e il disegno, frequentando appositi corsi con il noto maestro Enrico Irmici. Inizia poi l'indagine sperimentale sulla commistione delle varie tecniche, tra cui l'acquerello e la gouache. In quel periodo viene inquadrato come "impressionista puro". In seguito comincia con il lavoro scultoreo, attraverso la modellazione della creta e dell'argilla, riuscendo a elaborare una finitura personalizzata dal sorprendente

impatto visivo, in cui la superficie delle sculture risulta perfezionata da una speciale cromia, paragonabile al bronzo.

Concepisce l'arte come mezzo strumentale e considera il suo fare arte come una missione, una forma di vocazione assoluta e innata, una missione trasmessa fin dalla nascita, finalizzata a suscitare emozioni nello spettatore, per dare voce alla dimensione interiore e all'anima. Guardando le opere si viene trasportati in un viaggio iniziatico di illuminazione esistenziale e spirituale per unificare quella scintilla primordiale, che dal caos genera il cosmo, l'ordine e l'armonia del creato e sostiene e conferisce il significato primario a ogni essere vivente. Egli dichiara "Io ho promesso di vivere d'arte anche dopo la mia morte" assimilando l'arte al fremito interiore, alla propulsione vibrante, che è il linguaggio cosmico per metterci in contatto e in comunicazione con il Dio creatore.

È dunque indispensabile congiungere la sua esperienza filosofica estetica all'evoluzione della spiritualità intesa come riscoperta del sé, della sfera introspettiva, che diventa l'essenza stessa del vivere, la fonte d'ispirazione imprescindibile per lo studio approfondito sulla forma, sulla figura e sul colore. Emerge la sintesi formale della narrazione, che si trasforma in ricordo e memoria del vissuto, con una costante evoluzione fatta sull'analisi della percezione interna della "ratio" in relazione al senso di infinito, che trapela dalla condizione ineluttabile della morte. In lui vita e morte, Eros e

Thanatos si equilibrano, si intrecciano e trovano spiegazione nel suo lavoro e nel coinvolgimento estremo, per il quale spiega "Si immedesima nell'arte, che è vocazione e nell'osservatore, che nella visione riscopre il vero senso del contemplare, cioè io guardo, perché' dall'opera si irradia quell'infinito, che mi conosce fin dall'inizio dei tempi".

5 visualizzazioni

2020 © Fabrizio Berti